PER INSERIRE IL VOSTRO SITO NEL NOSTRO PORTALE MILANESE

Il nostro portale comprende le piccole e grandi imprese che operano a Milano e provincia, offriamo una visibilità immediata per ogni categoria per come abbiamo strutturato il nostro sito.

Se siete interessati ad inserire la vostra attività contattateci, in tempi brevissimi vi inseriremo con link singolo e descrizione della vostra attività/con pagina descrittiva e foto/ con articolo sulla home page o link interno per categoria.

Non esitate, le nuove imprese nascono velocemente, assicuratevi il vostro posto al sole. Costi contenuti e massima visibilità.

A presto.

scrivete a ADV Marcella Bellini – redazione milanometropoli.com, a presto

Pubblicato in MILANO | Lascia un commento

GIORNATA DELLA MEMORIA: IL LIBRO CHE RACCONTA L’INCREDIBILE VICENDA DI MIO PAPA’ FERDINANDO VALLETTI (mediano del MILAN) nel campo di Concentrameno di Mauthausen Una partita di pallone salvò la sua vita e quella dei suoi amici…..

https://www.lulu.com/it/shop/manuela-valletti-ghezzi/deportato-i57633-voglia-di-non-morire/paperback/product-20521568.html?page=1&pageSize=4

Pubblicato in MILANO | Lascia un commento

Google licenzia in massa

I dipendenti di Google stanno cercando risposte dalla leadership e dai colleghi mentre l’azienda attraverso una fase di massicci licenziamenti.

Venerdì, Alphabet, di proprietà di Google, ha annunciato che stava tagliando 12.000 dipendenti, circa il 6% della forza lavoro a tempo pieno. Se, da un lato, i dipendenti si stavano preparando a un potenziale licenziamento, dall’altro oggi mettono in discussione la leadership sui criteri usati. Alcuni dipendenti si sono svegliati per trovare il loro accesso alle proprietà dell’azienda bloccati. Alcuni dei dipendenti licenziati erano di lunga data o recentemente promossi.

Poco dopo l’e-mail iniziale del CEO Sundar Pichai ai dipendenti venerdì mattina, il capo della ricerca di Google, Prabhakar Raghavan, ha inviato un’e-mail collettiva chiedendo rimandare le domande a un’assemblea programmata per oggi.

La società ha fornito una FAQ per i licenziamenti, che CNBC ha visto, ma i dipendenti si sono lamentati del fatto che non fornisce molti dettagli su molte risposte.

Google non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. (Fonte: CNBC)

Pubblicato in MILANO | Lascia un commento

L’artista che collabora con le formiche

Lavorando con gli insetti, Catherine Chalmers rivela quanto abbiamo in comune con loro.

Durante il suo primo viaggio attraverso la foresta pluviale, nel 2000, l’artista Catherine Chalmers ha notato un movimento sul terreno vicino ai suoi piedi. Era una sfilata di migliaia di formiche tagliafoglie. “Ci sono questi percorsi perfettamente puliti che le formiche creano e mantengono, e portano foglie verde brillante”, mi ha detto di recente Chalmers. “E così hai visto questo nastro, quasi come un disegno. Verde, tremolante, perché la luce luccica su di loro. non sapevo esistessero. Ed è stato davvero, davvero bello.

Chalmers voleva lavorare con le formiche, ma non sapeva come. “Mi interessa quel luogo dove la natura incontra la cultura”, ha detto. Più complicata è l’interfaccia, meglio è: in questo periodo stava esplorando la relazione degli umani con gli scarafaggi. Ma, in confronto, le formiche sembravano quasi troppo naturali per lavorare artisticamente. «Sono della foresta», disse. “Pensiamo a loro come l’altro.” Cosa significherebbe fare arte sulla nostra relazione con tali creature?

Chalmers ha rimuginato sull’idea per anni, immergendosi nella scienza dei tagliafoglie. Più imparava, più connessioni vedeva tra loro e noi. Sebbene le formiche possano essere della foresta, sono anche intensamente sociali, persino urbane, nelle loro vaste tane sotterranee. In un libro del 2011, ” The Leafcutter Ants: Civilization by Instinct “, i biologi Bert Hölldobler e Edward O. Wilsonsuggeriscono che “se i visitatori di un altro sistema stellare avessero visitato la Terra un milione di anni fa, prima dell’ascesa dell’umanità, avrebbero potuto concludere che le colonie di tagliafoglie erano le società più avanzate che questo pianeta sarebbe mai stato in grado di produrre”. Per due decenni, Chalmers ha seguito questa scia di pensiero. Il mese scorso, ci siamo trovati al culmine di quel lavoro: una mostra personale al Drawing Center, a SoHo, intitolata “Catherine Chalmers: We Rule “, che comprendeva ventiquattro disegni, una stampa fotografica di venti piedi, quattro video e un’installazione, che insieme ha evocato quanto sia gli umani che le formiche si siano dati da fare per dominare e alterare i loro ambienti. (È durato fino al 15 gennaio.)

Chalmers, che ha sessantacinque anni e ha il portamento di un’atleta – oltre ad essere un’artista, è un’abile pattinatrice – mi ha guidato attraverso la galleria. Su una parete, sedici disegni raffiguravano formiche in camere e tunnel che formavano una colonia più grande. Ci sono una cinquantina di specie di formiche tagliafoglie, e i nidi differiscono tra loro, ma un nido può estendersi per cinquecento piedi quadrati – “Grande come questa galleria qui”, notò Chalmers – a volte raggiungendo sei metri sotto terra e contenendo migliaia di formiche tagliafoglie. camere delle dimensioni di un cavolo. All’interno

possono esserci milioni di formiche che sostengono una regina che sopravvive per più di un decennio.

L’agricoltura umana ha modellato il pianeta per millenni, ma i tagliafoglie hanno iniziato a coltivare cibo su larga scala milioni di anni prima. Le formiche sono responsabili di un quarto di tutto il consumo di piante nei loro ecosistemi; le formiche operaie potrebbero percorrere duecento metri per raccogliere i ritagli di foglie, tagliando tonnellate di materiale vegetale all’anno. Tornati a casa, gli adulti bevono la linfa delle foglie mentre danno da mangiare i ritagli a un fungo che coltivano nei loro nidi. Quindi raccolgono il fungo, nutrendolo con le loro larve. Per evitare che un fungo diverso si impossessi dei loro “campi”, alcuni tagliafoglie coltivano batteri che producono antibiotici che le formiche diffondono nel loro giardino, una forma di controllo dei parassiti.

Le formiche dimostrano una “padronanza chimica” sul loro ambiente, ha detto Chalmers. Ma, allo stesso tempo, sono invischiati in un sistema simbiotico. “Pensiamo che le formiche stiano chiamando i colpi, proprio come pensiamo che stiamo decidendo, quando andiamo in un ristorante, cosa vogliamo mangiare”, mi ha detto. “Ma più ho letto sul microbioma”, i batteri e i virus dentro di noiche ci tengono in vita e a volte ci fanno ammalare – “più sembra che i microrganismi stiano influenzando notevolmente le scelte che facciamo”. C’è un senso in cui i batteri nelle nostre viscere “vogliono” lo zucchero, e quindi ordiniamo il gelato. È possibile che i giardini fungini delle formiche agiscano come i loro microbiomi, influenzando quali piante si nutrono di una colonia. Forse non sono le formiche a “governare” la foresta pluviale ma il fungo. “Non sono uno scienziato”, ha detto Chalmers. “Quindi posso speculare su queste cose e semplicemente osservare e chiedermi.”

Al centro di “We Rule” c’è una serie di quattro video sulle formiche che evocano aspetti fondamentali della cultura umana: linguaggio, rituale, guerra e arte. La realizzazione del film è iniziata nel 2007, quando un collezionista d’arte che aveva visto i primi lavori di Chalmers l’ha invitata nella sua isola privata al largo della costa di Panama, dove ospita anche scienziati. Chalmers ha accettato l’offerta una volta saputo che l’isola aveva tagliafoglie. Lavorare fuori dallo studio è stato scoraggiante: per organizzare una ripresa, puliva i cespugli per evitare i morsi di serpenti e scorpioni, quindi scavava una buca per vedere le formiche al loro livello.

Il film a tema linguistico emerso dal viaggio è un pezzo di quattro minuti intitolato “ We Rule.” Da vicino, in mezzo a una cacofonia di suoni di uccelli e insetti, vediamo le formiche sgranocchiare foglie verdi e petali rosa. Poi, in qualche modo, stanno sgranocchiando le foglie in lettere maiuscole perfettamente tagliate; alla fine del film, le formiche marciano, trasmettendo il messaggio del titolo, mentre un coro di scimmie urlatrici le incoraggia. (Il film non è animato al computer; le formiche portavano davvero minuscole lettere fatte da Chalmers.) Le formiche “condividono dati”, ha detto Chalmers, inviando segnali su minacce, posizione del cibo e qualità delle foglie attraverso feromoni e vibrazioni chiamate stridulazioni, che creano strofinando insieme parti dei loro corpi. “In qualche modo, in questo scambio, vanno in guerra, decidono cosa raccogliere, quanti tunnel, quante camere. E senza comando centrale.

Le radici di “We Rule” risalgono agli anni ottanta. Chalmers stava guadagnando un MFA al Royal College of Art, a Londra; era venuta ad ammirare tavolette neo-assire con iscrizioni cuneiformi al British Museum e altrove. Ha rintracciato una traduzione del testo cuneiforme. Essenzialmente, dice, “con poche variazioni, ‘Noi governiamo, conquistiamo, tu fai schifo'”, mi ha detto. Lavorando con i tagliafoglie, ripensò al messaggio imperialistico delle tavolette. “Sono un po’ un sostituto per noi”, ha detto, delle formiche. Realizzando il film, aveva sperato di indurli a portare con sé dieci passaggi delle tavolette, ma le ci vollero due giorni solo per ottenere sei lettere nell’ordine giusto.

Chalmers è cresciuta a San Mateo, in California, figlia di un ingegnere elettrico e di un paesaggista. Da bambina non le piacevano gli insetti, ma alla famiglia piacevano gli animali; aveva un uccellino e lo portava a colazione e ai pigiama party. A Stanford, ha dichiarato la sua specializzazione, ingegneria, prima ancora che iniziassero le lezioni, in modo che potesse assicurarsi un posto in un corso popolare sul pensiero visivo. Ha frequentato quasi abbastanza corsi di studio per qualificarsi come specialista in arte e, dopo il college, ha ottenuto un lavoro alla Mattel, disegnando giocattoli. Il suo background ingegneristico l’ha aiutata a risolvere gli enigmi della produzione artistica. Come si costruisce un set che induca gli insetti a comportarsi in un certo modo? Come lo filmi e lo illumini?

fonte

Pubblicato in MILANO | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Welfare. Scopri l’affido familiarePer intraprendere il percorso dell’affido familiare partecipa agli incontri mensili organizzati dal Comune. Prossimo appuntamento 15 febbraio. 
Vai al calendario
Vai al sito
Piazzale Loreto. Aperto LOC 2026 – Loreto Open Community  In via Porpora 10 ha aperto LOC 2026 – Loreto Open Community, il nuovo spazio per conoscere il progetto di riqualificazione dell’area. 
Vai alla notizia
Vai al sito
Elezioni Regionali. Candidarsi come presidente di seggio o scrutatore Fino al 10 febbraio, se maggiorenni e residenti a Milano, è possibile candidarsi come presidente di seggio o scrutatore per le elezioni regionali del 12 e 13 febbraio.  
Vai al sito
Pubblicato in MILANO | Lascia un commento

Perché proprio ora? Il Vaticano riapre il caso Orlandi

Papa Bergoglio, con la scomparsa di Benedetto, è più solo e più libero. Un’era si è chiusa: riprendere in mano le carte non vuol dire solo dare una chance alla famiglia di sapere la verità ma soprattutto dare alla Chiesa la possibilità, finalmente, di chiudere il capitolo. E aprire una nuova fase

 Proprio adesso, come mai? La domanda, in realtà, pare persino oziosa: ogni giorno dell’anno si presta al dubbio, quando si riapre un’indagine vecchia di quarant’anni. Eppure anche questa volta uno non può che chiederselo: proprio oggi, come mai. Soprattutto perché il caso che va a riaprirsi è quello di Emanuela Orlandi, che uscì da una lezione di musica in territorio vaticano, fu vista alla fermata dell’autobus per tornare a casa in territorio vaticano, e invece sparì e non se ne seppe più nulla. Oppure se ne seppe troppo, ma non se ne seppe il vero.

Dalle parti della Santa Sede si riferisce che “il promotore di Giustizia Alessandro Diddi ha confermato questa decisione, anche sulla base delle richieste fatte dalla famiglia in varie sedi”, e come sempre in questi casi l’analisi del testo è utile. La decisione viene messa in carico al pubblico ministero d’Oltretevere, innanzitutto, e poi c’è una parola in più, un “anche” riferito alla famiglia. La richiesta di riprendere le indagini, riaprire l’inchiesta, scorrere centinaia di metri lineari di documenti già visti e forse anche di sviste è quindi del Promotore, su impulso della famiglia. Anche.

Come dire: non sono state solo le instancabili iniziative del fratello, ad avere scosso l’albero, ché il Vaticano è quercia millenaria e non basta nemmeno l’ascia. Qualcuno di più alto vuole, e vuole ora. Ora (la successione cronologica degli eventi aiuta quanto l’esame dei testi, da quelle parti) che Joseph Ratzinger giace nella tomba che fu di Giovanni Paolo II. Benedetto e Wojtyla: i due papi che più da vicino sono stati toccati dalla vicenda.

Le rivelazioni di padre Georg

Nelle polemiche molto vere e poco presunte che si sono scatenate, dal 31 dicembre in cui l’Emerito è tornato al Signore, il caso Orlandi è stato un elemento quasi spurio, e se si pone la domanda l’interlocutore ti guarda di tralice. Sì, ma è pur sempre emerso, anche se emerso solo di sguincio. Comunque monsignor Georg Gaenswein ha ammesso che ai tempi di Vatileaks, episodio numero uno, Gabriele il servitore infedele dal suo comodino prese i documenti; pertanto lui stesso, Georg il fedelissimo, mise la testa sul ceppo e, confessando l’ingenuità, invitò Ratzinger a calare la mannaia. Ratzinger però preferì ricorrere alla Grazia, da lui ben conosciuta per studi decennali. Resta ad ogni modo il fatto che secondo alcuni esisteva anche, accanto a quelle carte, un Fascicolo Orlandi; mentre invece Gaenswein nega la circostanza.

Possibile che, in un Vaticano che siamo ormai usi a vedere come campo di scontro tra fazioni incattivite, qualcuno pensi di usare il Fascicolo magari per zittire l’altra parte? L’interlocutore di nuovo ti guarda di tralice. Sembrano poi minimaliste, o soddisfacenti solo in parte minimale, le spiegazioni che vogliono dietro la riapertura una enorme manovra diversiva, vuoi per coprire imbarazzanti vicende come quella del gesuita Rupnik, vuoi per annullare mediaticamente il risorgere di una fronda antibergogliana.

No, la risposta potrebbe ben essere altra: più facile, quindi più complessa.

La verità nei tempi

Emanuela, che aveva quindici anni e tutto il diritto di vivere, scomparve nel nulla e non stiamo qui a ripetere tutte le teorie sulla sua sorte, se non altro perché ogni volta che se ne parla è come girare nuovamente il coltello nelle ferite della famiglia. Di sicuro c’è solo che non se ne seppe più nulla, e che una spiegazione va data. Quella vera. Francesco in quel lontano 22 giugno 1983 non era a Roma, semmai a Rosario. Della faccenda probabilmente seppe poco o nulla per lo meno fino alla sua nomina cardinalizia, ed in più il suo stile e il taglio del suo pontificato prediligono un approccio più da pastore che non da principe della Chiesa. Alle corte: è ancor più difficile per uno come lui fare orecchie da mercante a chi chiede di sapere cosa sia successo a sua sorella. Sì, ma perché ora e non prima? Il quesito resta, sulle prime, irrisolto.

La verità va cercata probabilmente nei tempi. Il 31 dicembre muore Ratzinger, il 4 gennaio iniziano le polemiche, il 5 ci sono i funerali, il 6 il Pontefice chiede di non dare credito alle notizie false.  Il 9 si annuncia l’operazione verità su Emanuela. Si aggiunga, a questa successione, un elemento: Papa Bergoglio, con la scomparsa di Benedetto, è oggettivamente più solo e più libero. Soprattutto – a causa dell’età avanzante – la sua Chiesa è meno somigliante a quella che trovò, nominato vescovo di Buenos Aires e poi Vescovo di Roma.

Insomma, un’era si è chiusa: quella dei due papati senza soluzione di continuità. Che non sono però il suo e quello di Benedetto, ma quello di Benedetto e quello di Giovanni Paolo. Due tempi diversi dello stesso momento, in cui uno degli elementi di persistenza era proprio il caso Orlandi.

Riaprirlo andando  – si consideri il particolare – non tanto a cercare gole profonde dalla voce ormai flebile quanto piuttosto a esaminare con criterio filologico le carte, non solo vuol dire dare una chance alla famiglia di sapere la verità (sono molti i cold case risolti in questo modo), ma soprattutto dare alla Chiesa la possibilità, finalmente, di chiudere il capitolo. E aprire una nuova fase. Proprio adesso. Ecco perché.

Pubblicato in MILANO | Lascia un commento

MILANO FASHION WEEK MEN’S COLLECTION GENNAIO 2023

Collezione uomo autunno-inverno 2023/2024

ModaLifestyle

#MFW

Tornano a Milano, dal 13 al 17 gennaio 2023, le sfilate moda uomo dedicate all’autunno inverno 2023/2024.

Creatività, innovazione, qualità e sostenibilità continuano ad essere le leve principali dello sviluppo del sistema della moda maschile italiana.

Ma scopriamo insieme le principali novità di questa edizione.

Telefono

TELEFONO

+39.02.7771081

E-mail

E-MAIL

cameramoda@cameramoda.it

Website

Camera Nazionale della Moda

Pubblicato in MILANO | Lascia un commento

Area B. Deroga per i diesel Euro 5 abbonati ai parcheggi interscambioI diesel Euro 5 con abbonamento ai parcheggi di Lampugnano, Forlanini o Rogoredo, possono chiedere on line la deroga di ingresso in Area B. 
Vai alla notizia
Vai alla pagina
Spazi. Concessioni temporanee per attività sociali 
Il Comune promuove l’apertura dei propri spazi e li concede, in specifiche fasce orarie, per progetti e attività sociali, formative, culturali e ricreative.   
Vai alla notizia
Vai all’avviso
Cardellino. Al via la gara per i lavoriPiscina olimpionica, vasca per tuffi, area per bambini e bambine, parco e parcheggio. Il Comune pubblica la gara per i lavori del nuovo Cardellino. 
Vai alla notizia
Vai all’avviso
Pubblicato in MILANO | Lascia un commento

Volkswagen: nuovo modello della famiglia ID al Ces 2023

By Manuel Magarini di mondo motori

Volkswagen ID. AERO

Nel corso dell’imminente Ces di Las Vegas, Volkswagen presenterà una nuova aggiunta alla già ben assortita famiglia I

Inizierà col botto il 2023 per Volkswagen, tra i brand annunciati al Ces di Las Vegas, fiera principalmente dedicata alle ultime innovazioni tecnologiche, ma ormai aperta anche al settore dei motori. In programma dal 5 all’8 gennaio del nuovo anno, la rassegna sarà la cornice utilizzata dalla Casa di Wolfsburg per presentare la new entry nella gamma ID.

Seppur allo stato di concept, affiancherà nello stand VW la ID.4 di serie e la ID. Buzz nella configurazione europea, che permetterà ai visitatori di entrare a contatto con una delle future proposte commerciali d’oltreoceano. Nel corso dei prossimi mesi, infatti, la Buzz arriverà pure negli USA, le cui caratteristiche dovrebbe grossomodo ricalcare quelle della vettura venduta nel Vecchio Continente.

Per quanto riguarda il prossimo innesto della famiglia ID. i portavoce osservano il “voto di silenzio” assoluto imposto dai piani alti del gruppo ora diretto da Oliver Blume, investito della carica dopo la fine dell’era Diess. Nella capitale del Nevada saranno forniti dei primi dettagli, anche se certi indizi aiutano a non volare troppo con la fantasia.

Tanto per cominciare, non sarà un reveal assoluto. Dunque, la Volkswagen conserverà il camouflage, alla pari di precedenti anteprime inerenti alla ID. In compenso, dovremmo finalmente conoscerne il nome. Lo lascia credere la logica, così come le recenti voci di corridoio trapelate da fonti vicine al quartier generale.

Una berlina mid-size derivata dalla Aero?

Ora, unendo i puntini, è lecito immaginare che il veicolo in questione sia la berlina media ispirata alla ID Aero Concept, erede (almeno nello “spirito”) della Passat a tre volumi.

La compagnia ha deciso da tempo di compiere la transizione ecologica e i fortunati riscontri commerciali della famiglia ID hanno alimentato la convinzione di essere sulla buona strada. Stando ai rumor, la Volkswagen lancerà tale vettura inizialmente in Cina, prima dello sbarco internazionale. Rivale numero uno, la Tesla Model 3.

Pubblicato in MILANO | Lascia un commento

FINE SETTIMANA IN CITTA’

Fine settimana. Tante proposte per vivere la magia delle festeChe cosa fare a Milano nei giorni di festa? Scopri le proposte natalizie tra musica, teatro, marionette, fiabe e laboratori a tema per grandi e piccini.Scopri di piùAtm. Il giorno di Natale mezzi dalle 7 alle 19:30Domenica 25 dicembre tutte le linee sono in servizio dalle 7 alle 19:30 circa. Non saranno operative le linee notturne.Per infoCultura. ‘Domenica al Museo’ l’8 gennaio, mostre sempre aperte Domenica 8 saranno aperti e gratuiti tutti i Musei civici e quelli che aderiscono all’iniziativa. Sempre aperte, anche a Natale, Capodanno ed Epifania, le mostre a Palazzo Reale, Pac, Mudec e Fabbrica del Vapore.Per info e orariGrazie dell’attenzione e cordiali saluti. 
 100 consigli per l’ambienteSe abbiamo freddo quando siamo davanti al pc, evitiamo di alzare la temperatura oltre i 19°C e indossiamo un maglione in più. Ricordiamoci comunque di controllare il termostato per non scendere sotto i 17° C in quanto stare in ambienti troppo freddi ed umidi può danneggiare la nostra salute.
Pubblicato in MILANO | Lascia un commento