Dov’è il cioccolato?! Le 10 peggiori calamità del calendario dell’Avvento

Dalle finestre mancanti alle figurine terrificanti e ai cartellini dei prezzi spaventosamente alti, a volte questo semplice e allegro trattamento festivo va orribilmente, orribilmente male

I bambini sono stati portati alle lacrime dalle finestre vuote del calendario dell'Avvento.

Il suo non è stato un anno eccezionale per i calendari dell’Avvento. Tony’s Chocolonely è stato costretto a scusarsi all’inizio di questo mese, dopo aver lasciato deliberatamente vuota una finestra del calendario , apparentemente per evidenziare le pratiche di lavoro forzato nell’industria del cioccolato. Un bel gesto, ma che a quanto pare ha lasciato migliaia di bambini a fiumi di lacrime. Più accidentale è stato il pasticcio con il calendario di Kmart, che ha perso del tutto la vigilia di Natale . Ma come si confrontano con gli incidenti del calendario dell’Avvento di tutti i tempi? Scopriamolo.

Latte da latte Cadbury, 2019

Chiunque si fosse trovato infastidito dallo scherzo di Chocolonely sarebbe stato portato a una tempesta di indignazione dai calendari 2019 di Cadbury, alcuni dei quali spediti senza alcun cioccolato . Ogni giorno, decine di consumatori hanno aperto la porta, hanno strappato la pellicola e hanno trovato un buco dove dovrebbe essere il cioccolato. Questo è stato pensato per essere il risultato di un semplice errore di produzione piuttosto che essere un commento sulle ingiustizie sociali. Tuttavia, ha indotto un acquirente a twittare con rabbia: “Saluti figli che piangono. Ben fatto”; un classico assoluto del genere.

John Lewis, 2018

Il problema con i calendari dell’Avvento senza cioccolato è che ogni elemento deve essere esattamente giusto per compensare l’inevitabile delusione. Sfortunatamente, tre anni fa, il calendario dell’Avvento senza cioccolato di John Lewis ha fallito questo semplice compito poiché coloro che hanno aperto la finestra del 2 dicembre sono stati accolti con un messaggio allegro che li informava che il Natale era a soli 16 giorni di distanza . Matematicamente, questo non era corretto. I nostri figli meritano di meglio.

Hotel Chocolat, 2019

Un destino simile è toccato a chiunque abbia acquistato il calendario Free From Advent di Hotel Chocolat due anni fa. Come molti destinatari hanno twittato furiosamente all’epoca, il calendario non aveva una porta numero tre . È stato un errore? Era uno scherzo, incentrato su un tenue gioco di parole “tre da”? Forse non lo sapremo mai.

Latte da latte Cadbury, 2020

E ora per la madre di tutti gli errori di stampa. Ripensa allo scorso Natale. Ripensate a tutte le oppressive normative Covid che hanno impedito a tutti di vedere la propria famiglia. E ora, ripensa a quando hai aperto il calendario dell’Avvento del latte e hai visto un messaggio che diceva ” Abbracci a Natale “. Consigli mal sincronizzati, per non dire altro.

Zoella, 2017

Passiamo ora ai falsi calendari dell’Avvento, nessuno dei quali ha suscitato più indignazione di quello pubblicato dalla YouTuber Zoella nel 2017 . È costato £ 50. Il suo contenuto includeva candele simili a tat, penne e tagliabiscotti, alcuni dei quali sono stati trovati su Amazon a 77 pence. Peggio ancora, la cosa aveva solo 12 finestre. La stessa Zoella si è prontamente scusata e il prezzo è stato ridotto nei negozi, ma il danno era stato fatto.

Chanel, 2021

Ecco una versione più esclusiva del problema di Zoella. Il calendario dell’Avvento di Chanel costa ben 610 sterline e un esercito di unboxer di TikTok ha rapidamente rivelato che è un pessimo rapporto qualità-prezzo . Il suo contenuto include un portachiavi, un timbro in ceralacca, un libro a fogli mobili e l’oggetto più glamour, un libro di adesivi. Per parafrasare la stessa Coco Chanel, le cose migliori della vita sono gratis, ma le peggiori ti fregheranno con vertiginoso abbandono.

Celebrazioni, 2020

Annuncio pubblicitarioabout:blank

Passiamo alla mia categoria preferita di calendari dell’Avvento: quelli che si basano sul gusto personale. Ciò è stato illustrato in modo più famoso l’anno scorso, quando è stato scoperto che il calendario delle celebrazioni includeva una barra Bounty in miniatura, l’oggetto che tradizionalmente viene lasciato sul fondo della vasca fino a metà gennaio, per due giorni consecutivi . Ora, potrebbero esserci persone a cui piacciono davvero i Bounty bar. Ma per il resto del mondo, questo non è stato altro che un tremendo schiaffo in faccia. Che questo orrore non ci accada mai più.

Eroi, 2021

Tuttavia, questo tipo di oltraggio può ritorcersi contro rapidamente. Quest’anno, ad esempio, alcuni consumatori hanno tentato di avviare una tempesta di fuoco basandosi sul fatto che la prima porta del loro calendario dell’Avvento Heroes conteneva un Cadbury Creme Egg . Purtroppo, questo trascura il fatto che le Creme Eggs sono in realtà uno degli oggetti Heroes più superiori. Se Cadbury avesse voluto davvero punirci, avrebbe riempito i suoi calendari con nient’altro che Eclairs, un lugubre e maledetto insulto al cioccolato.

Nightmare Before Christmas Calendario dell’Avvento, 2021

Ora, per prima cosa è importante che questo non sia un calendario dell’Avvento prodotto in serie, né sembri ufficiale. Tuttavia, questo dicembre un professore di Sheffield ha ordinato un calendario dell’Avvento di Nightmare Before Christmas per la sua pronipote di quattro anni, aspettandosi “figure divertenti come Jack Skellington”, ma è rimasto scioccato nel ricevere invece un calendario pieno di macabre figurine di film horror . Non è l’ideale, ma è stato riferito che almeno la ragazza ha preso in simpatia la sua bambola Texas Chainsaw Massacre.

Paw Patrol, 2017

Devo confessare che potrei essere l’unica persona viva ad essere rimasta sconvolta da questo, ma, nel 2017, il calendario dell’Avvento dei Paw Patrol ha sofferto di una preponderanza offensiva di Chase . Sì, Chase è apparentemente il leader della Paw Patrol, ma gli altri membri sono riusciti a malapena a dare un’occhiata. Il 6 dicembre, quel cane irascibile era apparso dietro tre porte. In totale, Chase ha fatto 10 apparizioni, mentre Zuma – adorabile, dolce, trascurato Zuma, il cucciolo preferito dagli intenditori di Paw Patrol – non si è fatto vedere una volta. Saluti figli che piangono, bravo.

Questa voce è stata pubblicata in CALENDARO AVVENTO. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *