La comunità virtuale di Milano

Milanometropoli.com è on line dal 2000. Con pochi mezzi e tanta buona volontà, convinti come eravamo che questa fosse una idea vincente, abbiamo costruito una rete di rapporti commerciali, di promozione e di informazione tra siti milanesi, lombardi, nazionali e internazionali.

Era giunto il momento di modernizzare il nostro sito e lo abbiamo fatto. Nel frattempo la nostra città è cambiata, lo siamo anche noi, ma la rete è ancora un mezzo di informazione straordinario per affrontare le sfide che ci giungono da tutto il mondo. Noi lo abbiamo usato per creare il nostro Network e generare visibilità mirata ai nostri clienti.

Siamo pronti ad aprire le porte alla collaborazione di persone concrete e amanti delle sfide (tenete però presente che siamo tutti volontari), siamo accreditati in tutti gli uffici stampa che contano, privati e istituzionali, e spesso ci risulta difficile seguire  tutti gli eventi a cui siamo invitati, perchè oltre all’impegno per la nostra Comunità abbiamo il nostro lavoro.

Chi ci conoscesse ora per la prima volta, può trovare tutte le informazioni che cerca on line, la trasparenza è il nostro miglior biglietto da visita.

A presto

team di Milanometropoli.com

ULTIMA ORA NEWS 

Milan, caccia agli svincolati: Tasci e Huth piste calde

Il ko di Romagnoli “forza” il mercato dei rossoneri

Alessio Romagnoli (Newpress)

Offerte a costo zero, ma anche acquisti di prospettiva. L’emergenza rende il Milan preda affamata, in un mercato che di certo non permette voli pindarici ma obbliga Leonardo a trovare soluzioni nel breve periodo. Perché a conti fatti in rosa Gattuso avrà due soli difensori centrali per diversi mesi: Zapata e Simic. L’aggravante, se così vogliamo etichettarla, è che il colombiano quando è sceso in campo non ha mai convinto mentre Simic, sul terreno di gioco, non ha nemmeno mai messo piede. Difficile ipotizzare che ci si possa affidare a loro due soli per un lungo periodo, anche perché Caldara rientrerà a fine marzo, Musacchio a febbraio e Romagnoli verso Natale. E il mercato, che aprirà solo a gennaio, permette ora solo l’acquisto di svincolati.

La lista è lunga, ma i giocatori di qualità sono pochi. Nomi difficilmente interpretabili come affidabili: dal tedesco Huth a Serdar Tasci (anni fa venne accostato addirittura alla Juve), fino a quel Florentin Pogba famoso più per essere fratello di Paul che per la sua carriera. Con gennaio, poi, il Milan potrà acquistare finalmente alternative di prestigio: si va da Benatia, per il quale però la Juve chiede almeno 20 milioni, a Rodrigo Caio (costo 8 milioni, in settimana possibile incontro tra Leonardo e il suo agente) e Gary Cahill, che potrebbe sbarcare in rossonero in prestito gratuito. Anche in mediana c’è chi è libero a parametro zero: Panagiotis Koné e gli ex Mathieu Flamini, Aquilani e Constant. A gennaio, poi, partirà l’assalto a gente di qualità anche a centrocampo: dalla Spagna parlano di Denis Suarez del Barcellona, mentre è Paredes (Zenit) il profilo preferito da Leonardo e Maldini.

PUBBLICITÀ