MILANOMETROPOLI.COM

proverbi milanesi

 

A chi mescia l'acqua al vin, fagh bev l'acqua giò nel tin

A chi mescola l'acqua al vino, fa bere l'acqua nel tino

Chi volta el cùu a Milan, il volta al pan

Chi volta il sedere a Milano, lo gira al pane

 

A Santa Caterina mena la vaca a la casina

A Santa Caterina, le vacche tornano dal pascolo alla cascina

Al dulur da co’ al voeur al mangià, al dulur da ventar al voeur cagà

Per il mal di testa bisogna mangiare, per il mal di pancia bisogna andare al bagno

Batt i pagn, cumpar la stria

Mentre si parla di una persona, arriva proprio l’interessato

 

A pensà mal se fà maal, ma se sbaglia mai

Apensare male si fa male, ma non si sbaglia mai

Anca al pegiur di ladrun al ga la sua devusiun

Anche il peggiore dei ladroni ha la sua devozione

Nà lavàda, nà sùgàda, la par n'anca duperàda

Una lavata, un'asciugata, non sembra neanche usata

Padrun cumanda, caval el trota

Il padrone comanda, il cavallo trotta

 

O te mangiet la minestra o te saltet dala finestra

O mangi la minestra o salti dalla finestra

Se mia nona la gheva i ball saria sta me nono

Se mia nonna aveva le palle sarebbe stata mia nonno

Quaant se gh’a fam, la puleenta la paar salama

Quando si ha fame la polenta sembra salame

La pisa senza pet l'è cumè un viulin senza l'archet

Una pisciata senza un peto è come un violino senza l'archetto

Zucch e melon a la sua stagion

Zucca e melone alla loro stagione

Milanes se piscia vun pissa des

I milanesi se piscia uno pisciano in dieci

Chi ghe l’ha d’òra, chi ghe l’ha d’argent e chi ghe l’ha che var nient

C'e' chi ce l'ha d'oro, chi d'argento e chi ce l'ha che non vale niente

 

 

torna all'indice