MILANOMETROPOLI.COM

ADRIANO CELENTANO

(tratto dal sito Pianeta Celentano)

1938, 6 gennaio: Adriano nasce a Milano, al numero 14 della mitica via Gluck. I suoi genitori sono pugliesi, trasferiti al nord per lavoro; a Milano Adriano trascorre l'infanzia e l'adolescenza; lasciata la scuola svolge diversi lavori, l'ultimo e il più amato è quello di orologiaio. Niente sembra far presagire quello che accadrà in seguito, fino alla storica data del 1957, 18 maggio: al Palazzo del Ghiaccio c'è il primo festival italiano del rock and roll, Adriano vi partecipa con il pezzo "Ciao ti dirò" accompagnato dal suo complesso, i Rocky Boys, composto da Enzo Jannacci, Giorgio Gaber, Luigi Tenco; il festival si conclude con un grande trionfo per Adriano. 1958: prima apparizione in un film "I frenetici" 1959, 13 luglio: vittoria al festival di Ancona con "Il tuo bacio è come un rock"; la canzone domina tutte le classifiche e Adriano firma un accordo con un discografico tedesco, titolare dell'etichetta Jolly. Film: "Dai, Johnny, dai!" 1959: apparizione nel film " I ragazzi del Juke-Box" 1960: importante apparizione nel film "La dolce vita" di Fellini; altri film dello stesso anno: "Juke-Box Urli d'amore", "Urlatori alla sbarra" e "Sanremo - La grande sfida" 1961: Adriano sta svolgendo il servizio militare ma riesce a partecipare al Festival di Sanremo; è in coppia con un altro giovane cantante rock, Little Tony, e il pezzo si intitola "24000 baci". Il duo si piazza al secondo posto, ma anche questa volta è un trionfo e le vendite superano il milione di copie. Il 1961 è un anno importante sia dal punto di vista professionale che affettivo: Adriano lascia la Saar e fonda la sua casa discografica, il Clan Celentano, e conosce la bellissima attrice Claudia Moroni, in arte Claudia Mori, che diventerà sua moglie. Film: "Io bacio, tu baci" e "Non guardate il marinaio" 1962: incide il primo 45 giri con etichetta Clan "Stai lontana da me", un altro successo; film: "Canzoni di ieri, canzoni di oggi, canzoni di domani" e "Balliamo insieme il twist" 1963: i dischi di Adriano sono sempre nei primi posti delle classifiche; film: "Uno strano tipo" e "Il monaco di Monza" 1964, 14 luglio: Adriano e Claudia si sposano di notte, in gran segreto, nella chiesa di San Francesco a Grosseto. 1965, 17 febbraio: nasce la primogenita Rosita; nel 1965 esce il primo film nel quale Adriano è contemporaneamente attore e regista: "Super rapina a Milano" 1966, 19 novembre: nasce il figlio Giacomo; al Festival di Sanremo del 1966 Adriano propone una canzone insolita, dal contenuto ecologico: "Il ragazzo della via Gluck"; il pezzo viene bocciato dalla giuria sanremese, ma premiato dal pubblico che lo porta in vetta alle classifiche con un milione di copie vendute; il pezzo verrò tradotto in 18 lingue. 1967: Adriano e Claudia partecipano al Cantagiro con la canzone "Siamo la coppia più bella del mondo" 1968, 15 luglio: nasce la figlia Rosalinda il 1968 è anche l'anno di due grandi successi: la canzone "Azzurro", scritta da Paolo Conte, e il film "Serafino"; dello stesso anno il film "La più bella coppia del mondo" 1970 : Vince Sanremo in coppia con Claudia con il brano "Chi non lavora non fa l'amore" 1971: film: "Er Più - storia d'amore e di coltello" 1972: film :"Bianco rosso e..." 1973: film: "L'emigrante", "Rugantino", "Le cinque giornate" 1974: Adriano è regista e produttore, oltre che protagonista, di un suo film "Yuppi Du", che riiscuote un grande successo anche da parte della critica 1975: film: "Di che segno sei?" 1976: film: "Culastrisce nobile veneziano" e "Bluff - storia di truffe e di imbroglioni" 1977: film: "Ecco noi per esempio" e "L'altra metà del cielo" 1978: film: "Geppo il folle", dove Adriano è anche regista, e "Zio Adolfo in arte Führer" 1979: film: "Mani di velluto" 1980: film: "La locandiera", "Qua la mano", "Sabato, domenica e venerdì" e "Il bisbetico domato" 1981: film: "Innamorato pazzo" e "Asso" 1982: Adriano pubblica un libro: "Il Paradiso è un cavallo bianco che non suda mai", scritto con Ludovica Ripa di Meana. Film: "Bingo Bongo" e "Grand Hotel Excelsior" 1983: film: "Segni particolari: bellissimo" e "Sing Sing" 1984: film: "Lui è peggio di me" 1985: film: "Joan Lui" 1986: film: "Il burbero" 1987: La Rai sceglie Adriano per la conduzione di "Fantastico 8"; lui decide di rompere la tradizione e la trasmissione, che fa record di ascolto, verrà ricordata per le numerose provocazioni e i lunghi silenzi di Adriano. 1992: trasmissione Rai: "Svalutation". Film: "Jackpot" 1998: un grande album segna il ritorno di due grandi artisti: "Mina Celentano" 1999: trasmissione Rai: "Francamente me ne infischio"; Adriano torna in tv e come sempre è un grande

Una delle canzoni più "milanesi" di Adriano Celentano è

 

Il ragazzo della via Gluck

Questa e' la storia
di uno di noi
anche lui nato
per caso in via Gluck
in una casa
fuori citta'
gente tranquilla
che lavorava
La dove c'era l'erba ora c'e'
una citta'
e quella casa
in mezzo al verde ormai
dove sara'
Questo ragazzo
della via Gluck
si divertiva a giocare con me
ma un giorno disse
vado in citta'
e lo diceva
mentre piangeva
Io gli domando amico
non sei contento?
Vai finalmente
a stare in citta'
La' troverai le cose che non hai
avuto qui
potrai lavarti in casa
senza andar giu' nel cortile
Mio caro amico, disse
qui sono nato
e in questa strada
ora lascio il mio cuore
Ma come fai
a non capire
e' una fortuna per voi che restate
a piedi nudi
a giocare nei prati
mentre la' in centro
io respiro il cemento
ma verra' un giorno che ritornero'
ancora qui
e sentiro' l'amico treno
che fischia cosi'"wa wa!"
Passano gli anni
ma otto son lunghi
pero' quel ragazzo
ne ha fatta di strada
ma non si scorda
la sua prima casa
ora coi soldi lui puo' comperarla;
torna e non trova
gli amici che aveva
solo case su case
catrame e cemento
la' dove c'era l'erba ora c'e' una citta'
e quella casa in mezzo al verde ormai,
dove sara'? La la la... la la la la la...
Eh no, non so perche
perche' continuano a costruire
le case
e non lasciano l'erba,
non lasciano l'erba non lasciano l'erba,
non lasciano l'erba,
eh no, se andiamo avanti cosi
chissa' come finira', chissa'...

Per materiale informativo, collezzionismo, oggetti d'epoca visitate Pianeta Celentano