MILANOMETROPOLI.COMAFORISMI E DETTI IN MILANESE

 

Bel mé el sô

(Bello come il sole) 

Riferito a persona molto carina

 

Avè la sidella al nas

(Avere il secchio al naso.) 

Modo di dire utilizzato per indicare una persona che ha un grosso raffreddore

La robba pussèe bona l’è quella che se mangia in cà di olter.

(Il cibo più buono è quello che si mangia in casa d'altri.) 

Quand se mangia gaudeamus, quand gh’è de pagà suspiramus.

(Quando si mangia godiamo, quando si paga sospiriamo) 

Siamo tutti felici quando c'è da guadagnare qualcosa, ma quando siamo noi a dover pagare allora son dolori

 

El venter pien el considera minga quell voeuj

(Il ventre pieno non considera quello vuoto) 

- L'importante è essere sazi, poco importa di chi non può mangiare per povertà - questo il ragionamento delle persone avare

La verità la pò vess dolza o amara, ma la pò nò vess cattiva. Ona bosia la pò vess anca lee dolza o amara, ma la pò mai vess bònna.

La verità può essere dolce o amara, ma non può essere cattiva. Anche una bugia può essere dolce o amara, ma non può mai essere buona.

Le masna pusee una parola de cusen che una prea de mulen

Le parole dette in intimità possono far più male di una macina del mulino

El tempural che ven da la muntagna bagna nanca la cavedagna.

 

(Il temporale che viene dalla montagna non bagna nemmeno la terra) 

Il temporale che viene dai monti non serve neanche per bagnare il primo strato di terra (cavedagna)

Vess a pan e pessitt

(Essere a pane e pescetti!) 

Essere in ristrettezze

De Milan ghe n'è domà vun

(Di Milano ce n'è una sola!) 

Anca a Milan quand pioeuv l'acqua la bagna

(Anche a Milano quando piove l'acqua bagna) 

 

torna all'indice