La cessione del quinto spiegata in modo semplice

La cessione del quinto è una formula di prestito molto comoda che prevede l’addebito della rata del prestito direttamente in busta paga. La particolarità risiede nel fatto per cui l’importo mensile da restituire non sarà mai superiore ad un quinto dello stipendio per consentire al richiedente di potersi fare carico del prestito senza trovarsi in difficoltà. 

Questa forma di prestito è rivolta in particolar modo a dipendenti pubblici e privati o a pensionati proprio perché prevede come requisito essenziale la presentazione di una busta paga o di un libretto della pensione. In alcuni casi, a seconda della cifra richiesta e della situazione finanziaria del richiedente, il prestito tramite cessione del quinto viene erogato anche a precari e dipendenti a tempo determinato ma solo se la durata del contratto è superiore al piano di ammortamento. 

Come valutare la cessione del quinto più conveniente?

Per scegliere a chi affidarti per farne richiesta basta guardarsi intorno. Difatti tra le tante proposte disponibili è importante sapere che puoi ottenere una cessione del quinto con un TAEG più basso, il tasso annuo effettivo globale che indica il costo complessivo di questo tipo di transazione. Il TAEG per la cessione del quinto comprende i costi di istruttoria e di incasso della rataoltre al tasso applicato dalla finanziaria e il costo della polizza obbligatoria. 

Perché bisogna stipulare un’assicurazione? Cosa copre?

La polizza obbligatoria direttamente correlata alla cessione del quinto serve a coprire i casi di perdita del lavoro o di decesso. In questo modo la finanziaria si tutela dinanzi a due eventi di per sé imprevedibili per i quali anche lo stesso debitore è coperto nel caso in cui, per cause di forza maggiore, non fosse in condizione di rimborsare temporaneamente il prestito. Le finanziarie sono convenzionate con i principali istituti assicurativi ma in ogni caso è sempre possibile proporne una che riteniamo più conveniente. 

Come si richiede?

La procedura di richiesta è molto semplice perché, dopo aver depositato i documenti necessari, provvederà a tutto la finanziaria a cui ci siamo rivolti. Questa si impegnerà anche a comunicare l’avvenuta accettazione al datore di lavoro che rilascerà un informale benestare. A seguire lo stesso si impegnerà a trattenere un quinto dalla busta paga del dipendente che verrà destinato al rimborso della rata. 

Quali sono i vantaggi?

La convenienza di questo prestito risiede proprio nella comodità con cui si attiva ma anche dalla facilità con la quale vengono rimborsate le rate. Anziché preoccuparsi della scadenza il richiedente riceverà il suo stipendio decurtato dell’importo dovuto senza correre alcun rischio derivante da sviste o dimenticanze. Inoltre le procedure semplificate permettono di ricevere la somma richiesta in modo rapido senza il bisogno di dover giustificare la liquidità richiesta. 

Difatti la cessione del quinto è un tipo di prestito personale non finalizzato per il quale è possibile anche richiedere una liquidità aggiuntiva a tassi di interesse sempre convenienti. In questo caso il prestito precedente verrà sommato a quello successivo tramite un procedimento di delega e l’istituto finanziante potrà trattenere un massimo di due quinti dello stipendio.

Questa voce è stata pubblicata in cessione del quinto e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.